SOCIALE

Diy: imparare online è un gioco da ragazzi

Diy: imparare online è un gioco da ragazzi
Giovedì, 14 Febbraio 2013


Sempre più frequentemente capita di vedere bambini che, nella sala d’attesa di un dottore, nel carrello del supermercato o addirittura al parco con gli amichetti si intrattengono con il tablet dei genitori, su cui è stato installato appositamente per loro qualche gioco. È facile puntare il dito contro quelle che sembrano proprio cattive abitudini, che allontanano dalla fisicità, dalla socializzazione, dalla manualità e persino dalla normale noia che ha sempre funto da pungolo per la fantasia.

La tecnologia, però, non sempre ostacola una sana vita di gioco creativo; in certi casi, anzi, la stimola. Stiamo parlando di Diy.org (acronimo per do it yourself), una comunità virtuale, con sede in California, che permette ai bambini di diventare Makers, ossia di sviluppare capacità creative e artigianali, nel mondo reale. L’intreccio tra reale e virtuale è molto forte e ognuno dei due momenti si arricchisce con le esperienze fatte nell’altro spazio.

Come funziona Diy? I genitori iscrivono i loro figli. Una volta ottenute le credenziali d’accesso si entra e ci si trova davanti una sorta di grande manuale pieno di lezioni video, che insegnano a creare oggetti o giochi. Si iniziano a esplorare i possibili “lavoretti” proposti, spiegati nel dettaglio sotto forma di filmati caricati da altri utenti. Molti di questi tutorial aiutano a costruire oggetti di genere molto vario, come segnavento, macchinine, collage, persino biscotti o meringhe. Una volta trovato un progetto che piace, ci si applica, si prova a realizzarlo. Si fotografa il risultato e lo si condivide con altri bambini (e genitori) sparsi in tutto il mondo.

A cadenza regolare nella casella mail degli iscritti arrivano tanti suggerimenti per trascorrere, per esempio, un bel week end di gioco e creatività.

Ovviamente si guadagnano coloratissimi e divertenti distintivi ogni volta che si termina un lavoretto: c’è lo Yeti, una grande creatura pelosa che riesce a vivere ovunque sulle montagne, insieme ad altre figure più prosaiche, come il biologo, il panettiere, il mago, il calzolaio, il meccanico delle biciclette e così via.

L’idea di base, come spiegato nella pagina About del sito, è che ognuno ha le potenzialità per diventare qualsiasi cosa solo provandoci. Tutti impariamo facendo.

0.0/5 di voti (0 voti)

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the task
© 2013 OB | Officine Bonfiglioli
Via Cupa 5 . 47826 Villa Verucchio (RN) . Tel. +39 0541 670544 . Fax +39 0541 670322 . Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.