DESIGN&STILE

Rimini. Risvolti dell'abito: quattro mostre per raccontare la moda

Rimini. Risvolti dell'abito: quattro mostre per raccontare la moda
Venerdì, 18 Ottobre 2013

Hanno inaugurato l’11 ottobre e saranno visitabili fino all'8 dicembre 2013 le quattro mostre di una rassegna dedicata alla moda dal titolo: Rimini. Risvolti dell’abito. Il Museo della Città e il FAR, in piazza Cavour, ospitano l’esposizione, che è organizzata dal Dipartimento di scienze per la qualità della vita, da Unirimini Spa, dai Corsi di moda dell’Università di Bologna.

80s-90s Facing Beauties. Italian fashion and japanese fashion at a glance, al Museo della Città, attraverso abitie schizzi mette in comunicazione due fashion system apparentemente lontani (la moda del pret-a-porter italiano e gli stilisti nipponici) eppure accomunati dal fatto che giunsero al loro apice nello stesso momento, negli anni Ottanta e Novanta, rappresentando un’alternativa allo strapotere parigino. La decostruzione della tradizione sartoriale, operata sia da stilisti italiani come Armani che da designer giapponesi come Miyake, l’utilizzo di nuovi materiali e colori, decorazioni, abiti dalle forme inedite: sono tutti filoni tematici trattati, attraverso gli splendidi abiti appartenenti alla collezione degli Archivi di Ricerca Mazzini, dalla mostra, curata da Simona Segre Reinach.

L’inaugurazione, che si è tenuta l’11 ottobre nella Sala del Giudizio del Museo della Città, ha visto presenziare Akiko Fukai, direttore e capo curatore del Kyoto Costume Institute, Tamami Suoh, curatore del medesimo istituto, e il celebre designer Romeo Gigli, impegnati in una conversazione stimolante sui temi trattati dall'esposizione. 

 

Sempre all’interno del Museo della Città è stata allestita Bianca e Blu di Monica Bolzoni. Storia e narrazioni di una moda designer.



Bianca e Blu è un celebre atelier-negozio in cui la designer dal 1981 confeziona e vende i suoi abiti, veri e propri capolavori della moda italiana; in mostra a Rimini vestiti, accessori e fonti d’ispirazione che negli anni Ottanta decretarono il suo successo.

La seconda parte di Rimini. Risvolti dell’abito. si tiene al FAR con altre due mostre: Concava. Maïmouna - Patrizia Guerresi, scultrice, fotografa, autrice di video e di installazioni e Chilometri di cuciture - Pietro Saporito. Il filo conduttore è l’idea di manto, con i veli islamici, mistici e leggeri di Patrizia Guerresi, che da sempre indaga il femminile, concentrando il suo lavoro nelle società in cui è maggiormente marginalizzato, e con i mantelli, i cappotti e gli arazzi di Pietro Saporito.

La curatrice della mostra su Saporito, designer e insegnante italiano è Sabrina Foschini, docente di Storia della moda all’Accademia di Belle arti di Rimini; in mostra i splendidi lavori, pezzi unici, capolavori di sofisticata sartoria.

0.0/5 di voti (0 voti)

Commenti (0)

Lascia un commento

Stai commentando come ospite. Login opzionale sotto.


Anti-spam: complete the task
© 2013 OB | Officine Bonfiglioli
Via Cupa 5 . 47826 Villa Verucchio (RN) . Tel. +39 0541 670544 . Fax +39 0541 670322 . Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.